venerdì 3 dicembre 2010

FLUSSOMUSICALE

Ho bisogno.Di sentirmi scorrere il sangue nelle vene.Alzo il volume di questa sinfonia ritrovata.
Un seguito di sinfonie al pianoforte.
PianoForte.
Ho bisogno di sentirmi elettrizzata,ansiosa,smaniosa,in attesa di qualcosa di grande.

LA FELICITà
è
UNO STATO D'ANIMO
NON UNA META.
____°____
VIVIAMO TUTTI NEL FANGO
MA ALCUNI DI NOI
GUARDANO LE STELLE.
Oggi mi tatuerei di queste lettere.
Ho solo bisogno di mettere nero su bianco qualcosa che mi dia grinta.
Qualcosa che nel guardarlo mi farà dire "Questa sono io".
Ho bisogno.Che la mia testa non si fermi, che le mie mani continuino a scrivere, che il mio cuore riaccelleri, di uscire dal tepore del letergo che ogni inverno mi rapisce, ho bisogno della mia primavera, dei 26 anni che busseranno alla porta.
Scorrono i pensieri,le cose che vorrei svuotare qui dentro, scorrono come un flusso, un flusso di acqua salata.
Ho bisogno del mio spazio del mio tempo di una me stessa che ho perso per strada.
E mi manca, mi manco.
So dove cercarmi, so come cercarmi.
Il PianoForte mi stimola, mi rilassa, mi svuota e riempie, mi emoziona, mi fa tornare indietro e poi avanti e poi indietro e poi avanti.
Uno spegghio riflette la luce bluastra.
Ho bisogno di sporcarmi le mani con le tempere colorate, di fare fotografie a qualcosa che mi fa sentire viva, ho bisogno di ballare, di una canna, ho bisogno di attenzioni, di creare qualcosa.
Chiudo gli occhi.
Questa canzone ne ha viste tante di cose passare, di emozioni, di sorrisi, di lacrime, di persone.
La prima persona è legata ad un sorriso, entrambe su un letto che negli anni sarebbe diventato troppo piccolo, la musica andava e noi crescevamo, insieme, per poi perderci del tutto da un giorno all'altro.
Le altre persone sono state di passaggio, non hanno lasciato un vero e proprio ricordo.
Forse è meglio così. Ora che mi riempio l'anima le oprecchie e la stanza di essa sono libera da tutto e tutti, ascolto il PianoForte e basta, rotolandomi in pensieri miei, di ora, di domani, senza avere punti interrogativi o esclamativi.
Nonostante la debolezza mostrata in svariate occasioni, nonostante i 6 kg persi due primavere fa e i 6 kg persi la scorsa primavera, nonostante le lacrime che escono quando sono arrabbiata, dentro sono un Toro.
Mi piego ma non mi spezzo e nel momento in cui mi ritroverò, tornerò.

4 commenti:

morgana ha detto...

leggerti mi fa quasi paura, sono un ariete, ma quando leggo qui mi sembra di leggere di me. non smettere mai di guardare le stelle, ho imparato che il segreto sta tutto lì! ;)

AlessandraLace ha detto...

straordinaria e vera. un abbraccio

Irene ha detto...

grazie morgana... credo che la cosa piu bella è sentirsi dire "sembra di leggere di me"... è riuscire ad arrivare dentro, agli altri. grazie, grazie mille...

Irene ha detto...

alessandra....mi fai sempre i complimenti.......poi mi emozionooooo!!!