giovedì 10 marzo 2016

DA OGGI SONO CON TE

Lui sorseggia un Martini Royal.
Il locale, avvolto da luci soffuse, lascia trapelare odore di frutta, alcol e fiori.
Tamburella con la mano, controlla il telefonino, si aggiusta la giacca, passa una mano tra i capelli brizzolati, si schiarisce la voce e cerca di tenere a freno il cuore che gli sta esplodendo in gola, nel petto.
Sono passati troppi anni, eppure, un patto e un patto.

"Sai... probabilmente ti avrei amato se solo tu fossi restato"

Continua a ripetersi in testa questa frase, continua a chiedersi se poi, alla fine, il destino abbia piani e progetti ben definiti.

"Facciamolo! Facciamo un patto...se a 40 anni la vita non ci avrà dato quello che desideravamo... o se ce l'avrà tolto,  ci ricercheremo, ci rincontreremo e ci riguarderemo di nuovo negli occhi... e a quel punto se ci andrà, potremmo iniziare una nuova avventura. Insieme"

Erano passati 20 anni dall'ultima volta che l'aveva vista, una manciata meno da quando l'aveva sentita.
La sua voce, il suo accento.
Cresciuti lontani centinaia di migliaia di chilometri.

Eppure lui ricordava tutto di lei.
Il neo dietro l'orecchio e sotto il seno, il tatuaggio ad altezza reggiseno, una frase che non ricordava, le sue mani piccole sempre ben curate, i suoi grandi occhi verdi.
Ricordava addirittura il suo profumo, quello che aveva con se l'ultima volta  che si erano visti. L'avrebbe riconosciuto in ogni luogo.

Controlla di nuovo il telefonino e anche l'orologio.
E arrivato troppo presto. Chissà quanto la dovrà aspettare.
Butta giù un altro sorso di Martini Royal provando ad ingannare l'attesa.

Lei è fuori dal locale già da dieci minuti.
Osserva il tavolo rotondo nell'angolo della sala, osserva il suo profilo, il suo naso un po' all'insù, i suoi capelli sempre ben curati.
Tiene le mani in tasca del suo giubbotto di pelle e fa piccoli passetti nervosi sperando di tenere a bada l'ansia, il cuore che batte sempre più forte quasi fino quasi a non farle sentire i suoi pensieri.
Jeans, all star e giubbotto di pelle.
A 45 anni può ancora permettersi questo abbigliamento e non se lo fa dire due volte.

Apre la borsa grande di pelle nera e prende il telefono.
"Dieci minuti e arrivo, cerco parcheggio."

Temporeggia.
Sa che entrerà, che lo guarderà e che in quel momento tutto scivolerà giù come un bel Martini ghiacciato e che si abbracceranno.

"Non sei tu. E che a volte bisogna scegliere la persona più simile a noi... e tu non lo sei, siamo due mondi opposti!"

Continua a ripetersi questa frase, lei, fuori da quel locale, eppure, è proprio li, a pochi passi da chi 20 anni prima le aveva detto che non era Lei.

Sono passati troppi anni, eppure, un patto e un patto.

Respiro profondo, scioglie le braccia ed entra.

Si vedono, di nuovo, dopo millenni.

Lui si alza in piedi, lei si avvicina ammiccando un sorriso.
Vicini.
Si guardano.
Sorridono.
Imbarazzati di ciò che hanno lasciato e di ciò che hanno trovato.
Stupiti delle rughe che hanno iniziato a solcare il viso e dei capelli bianchi che si son fatti strada.

Lei è carne, ossa, sangue, vita. Non può trattenersi.
Lei è così. Spontanea e vera.

Lo abbraccia.
Lui l'avvolge e ritrova quel profumo, il suo profumo.
L'odore della sua pelle abbronzata.
Lei ritrova quelle braccia sicure che aveva dimenticato, che aveva messo nel cassetto dei ricordi e non aveva più tirato fuori.

"Sei sempre uguale... Più adulta, più donna, persino meglio di trent'anni fa..." dice, trattenendosi dal continuare a tenerla tra le sue braccia.

Si siedono e lei ordina un Martini con ghiaccio.
"Prepara un altro del suo anche" dice, avendo visto che lui aveva già bevuto per affrontare la situazione.

Silenzio.
Lunghissimo e interminabile silenzio spezzato dal suono del ghiaccio nel bicchiere.
Lei prende il suo Martini e sfiora il bicchiere di lui facendo un brindisi a loro e ingoiando un boccone troppo grande.

"Ma davvero sono qui per quel patto!?"

Lui smorza il clima, sa che uno dei due deve cedere, deve ritrovare il loro modo di fare, di capirsi al volo, anche dopo anni.

"Allora, siamo qui, 45 anni, single, quindi dobbiamo guardarci ancora per molto negli occhi?!"
Bam. All'attacco.

Lei esplode a ridere e con il suo accento americano ribatte "In realtà ti sto aspettando da una vita... quando vuoi, eh, sempre se hai l'agenda libera!"

Rotto. Il freddo, l'imbarazzo, il gelo.

Sono loro, sono ancora loro.
Oltre il tempo, le distanze, una vita vissuta chissà come.

"Ma poi... sto patto... Decidiamoci... Vieni tu in America o devo ritrasferirmi io a Milano? Però non la tirare per le lunghe, che tu sei quello lento... che va con calma.. ragiona... Dentro o fuori!" e fa un sorso per cercare di mettere a fuoco cosa sta succedendo.

Lui sorride, beve un sorso e allunga la mano.
Le sfiora il braccio.
La guarda.
Le sposta un ciuffo di capelli e si avvicina con la sedia.
Le accarezza la guancia e chiude per un istante gli occhi.

"E solo colpa mia" dice sottovoce. "Se avessi capito prima cosa mi sarei perso io..."
"No " ribatte lei mettendole un dito sulla bocca. "non farlo. Non farti del male, non tirarmi fuori un sentimento che ho superato, non tirare fuori il passato... se se se... la vita è andata così. Meravigliosamente così. E..."
"E siamo qui" aggiunge lui.
"Esatto... e siamo qui." dice lei, abbassando lo sguardo.
La loro linea d'onda è potente. Vorace. Intensa.

La musica attorno a loro fa da cornice.
I bicchieri vuoti e i cuori pieni.
Le mani che tremano e la testa che macina pensieri a raffica.

Lui le alza il viso.

"Oggi pensavo. Pensavo a te, a me. Sopratutto a me, alla mia vita, alle mie scelte, a mia moglie che si è andata a scopare il mio socio e credeva che con un bel lavoretto di bocca tornasse tutto come prima, a mio figlio che ha 10 anni e che mi odia perchè "hai lasciato la mamma io non ti voglio più vedere", all'azienda che ho tirato su con sacrifici e che ho venduto perchè mi ero rotto le palle, Stella, credimi, mi ero rotto le palle di tutto e tutti. E poi un giorno ho trovato un quaderno, sgualcito, forse delle superiori, non so e dentro ci ho trovato il nostro patto. E cazzo, mi è salita una botta di vita, di speranza. Anche solo nel sapere che nel mondo un'amica non mi avrebbe abbandonato o tradito, anche solo nel sapere che forse potevo ricevere ancora un abbraccio disinteressato e puro.
Per quello ti ho cercato Stella, per questo fottuto bisogno di sapere che nonostante tutto, tu ci saresti stata..."

Lei ha gli occhi pieni di lacrime.
Uomini prima di lei, le avevano fintamente raccontato la storia del "sei l'unica per me, amo solo te", anche suo marito, che un giorno l'amava e quello dopo spariva, che un giorno la riempiva di attenzioni e poi si dimenticava di cosa voleva dire amare. Lei aveva resistito, sperato, lottato, fino a quando dopo l'implosione si è susseguita l'esplosione, valigia taxi e ritorno alle origini.
Doveva andare cosi.

Stasera lei, seduta in quel locale, ha gli occhi pieni di lacrime per delle parole che le hanno sfiorato le corde più profonde della sua anima.
Si era dimenticata, o forse non aveva avuto il tempo di conoscere questo suo lato. così serio e malinconico.

Un brivido le corre lungo la schiena.

"Ed io, Marco, sono qui, con te. Da oggi sono con te. Ovunque andremo, in qualunque modo vorremo affrontare questo patto che patto non è, io per te ci sarò."

Tira su con il naso e si asciuga il viso.
Lui sorride e l'abbraccia a se fino a sentirne il cuore battere.

Si scosta leggermente.
"Grazie" le dice " sei la donna che ho fatto scappare una volta ma che questa volta tengo ben stretta a me" con le fossette sulle guance, le prende il viso tra le mani.

Ecco.
Questo mancava a lei.
Questa sensazione di potenza, questa sensazione che può lasciarsi andare tanto c'è lui che le tiene il viso tra le sue grandi mani.

Si guardano.
Sorridono.
Imbarazzati di ciò che hanno lasciato e di ciò che hanno trovato.






venerdì 4 marzo 2016

AMICO.



Ieri ti ho pensato...era il tuo compleanno. Lontano migliaia di km, tutto preso dal tuo mondo, dalla tua attività, dalla tua intensa vita vissuta a 100 all'ora.

Ogni tanto manchi, manchi amico mio.

Mancano sopratutto le chiacchierate, il confidarci, il darci consigli sulla vita, su come affrontare le cose.

Manca alzare la cornetta e sentire la tua erre leggermente moscia dire "Ireeeeeeee a Sassi stasera devo raccontarti... devi dirmi cosa devo fare..."

Manca iniziare serata insieme e poi finire con un sguardo mentre ognuno esce accompagnato.

Manca stare sdraiati sul letto e guardare il soffitto facendoci domande troppo più grandi di noi.

Manca la panchina sopra Torino con birra, trulla e mille consigli.

Manca, ma è giusto che sia così...si era giovani, le cose cambiano, il tempo passa, tutto cambia.

C'è chi crede che l'amicizia tra uomo e donna non possa esistere, che ci sia sempre e per forza qualcosa sotto.

" Io non riesco a parlare così con un amico... tu sei donna, tu sai dirmi cosa sentite, cosa provate, tu puoi capirmi e consigliarmi su come fare con una donna, come conquistarla, cosa voglia dire uno sguardo o una frase... e poi vuoi mettere? Quando andiamo a ballare e sembriamo una coppia, io sembro ancora più figo e le ragazze ci provano di più..."
E quando andavamo a ballare... lui spariva... io mi perdevo nella musica... e quelle volte che venivo circondata da gente indesiderata lui arrivava all'improvviso, mi stringeva a se e mi stampava una bacio dal quale ci pulivamo subito dopo come a provare quasi schifo...ma intanto mi salvava... mi salvava come fa un amico, come fa un fratello maggiore.

Ecco il mio problema.

Ho sempre sentito la mancanza di un fratello maggiore, di quel fratello con cui fai le prime uscite serali, in discoteca, con il quale parlare al buio prima di addormentarsi, quel fratello da chiamare se hai bisogno, se vuoi ridere, se vuoi piangere.
Per questo ho sempre avuto molti amici sopratutto più grandi di me. E in automatico, vuoi per la statura vuoi per l'età mi han sempre chiamato sorellina.
E con loro ritrovavo quel legame naturale che non avevo avuto.
Protetta e coccolata.

L'amore è stato ben altro.

Le mie storie non sono mai nate da amicizie.

Alcune, però, lo sono diventate.

Perchè, sopratutto nelle storie leggere e spensierate, quelle giovani che vanno e vengono, quello che rimane dopo non è profondo, doloroso.

Amicizie che son rimaste nel tempo... di quelle con cui chiacchieri serenamente e fai quattro risate, di quelle fatte di soli "auguri", di quelle fatte di tutto un po'.

Altre son rimaste storie, vissute, sentite e finite. Nient'altro dopo, a volte per il dolore provato, a volte per il menefreghismo provato.


Io credo in questo.



Credo nella purezza che un'amicizia porta con se, credo nella naturalezza che un legame tra uomo e donna possa non essere solo d'attrazione o di passione.


Anzi, credo che siano le amicizie migliori.

[ E nel tempo, ogni tanto, qualcuno prenderà il tuo posto.]

Piccole comparse che fanno bene al cuore.

mercoledì 2 marzo 2016

LEGGEREZZA





Ricordi.

Come fulmini a ciel sereno.
Le mani tremano sempre un po' quando si mette nero su bianco, quando le parole prendono vita e fan smuovere qualcosa dentro la pancia.

Ricordi.
Che risalgono in superficie e fanno sorridere il cuore.

A volte diamo tutto per scontato, dentro questa pioggia, si da troppo e tutto per scontato.
Mancano quelle vibrazioni che ti fanno sentire vivo.
Che ti colmano piccoli vuoti lasciati in sospeso.
E si scava, si va nel profondo, per cercare quelle sensazioni, per provare a risentirne il profumo, l'ingenuità, la freschezza, per provare a sfiorarne l'idea.

Voler allungare la mano e prendere la tua.

Stringerla mentre uno sguardo dice più di mille parole. 

Non c'è tempo, spazio, distanze o attese.

Sono pronta per il viaggio, per chiudere gli occhi e lasciarmi cadere.

So che ci sarai, che guarderai il mio volo e che una volta atterrata mi stringerai come non mai.

Mi lascio cullare da questa canzone che suona a ripetizione, mi lascio cullare da questa empatia, mi lascio cullare da questa bellezza.

Perdersi e ritrovarsi.
Senza sapere nulla pur sapendo tutto.
Senza dire niente pur dicendo tutto.
Senza aspettarsi nulla pur ricevendo un gesto inaspettato.
  

[bloom]

Come sangue nelle vene, che scorre incessante.
Un fiume in piena da cui ti fai trasportare.

Non c'è più tempo, non si deve per forza aspettare.

E' tempo di lasciarsi cadere...


venerdì 19 febbraio 2016

[s]pezzi di me




[ASCOLTO]

                                         [VOCI CHE RIMBOMBANO DENTRO LA TESTA]


[DENTRO IL CUORE]


                                         [DENTRO LA BOCCA DELLO STOMACO]



Capita.
Di sentirsi persi in mezzo ad una strada conosciuta e percorsa per anni.

In lontananza quelle montagne che mi abbracciavano, che mi proteggevano.
Quell'aria fredda che mi catapulta in un flashback potente, così potente da rimanerne intontita.

[ANDRA' TUTTO BENE]

Capita.
Di volersi perdere dentro un mondo dove esisti solo tu, dove nessuno può entrare, dove nessuno può toccarti ferirti parlarti informarti renderti partecipe abbracciarti cercarti.
Dove nessuno può contaminare il tuo momento, la tua stracazzo di fottuta [ PARENTESI ]



                                                     [ALLA FINE NE USCIREMO INSIEME
                                                                  ANCHE A COSTO DI                      
                                                                     DOVER LOTTARE ]



Prima ritrovo me stessa. Persa chissà dove.
Prima ritrovo me stessa. Lasciata chissà dove.

Prima amo me stessa, che poi tutto passa.
Prima amo me stessa. Che nonostante tutto passa, io sono ancora qui, in piedi.

Sconfitta ma viva.
Sconfitta ma lottatrice.
Sconfitta ma in battaglie che ogni giorno combatto.

Perchè mi piego, ma non mi spezzo.
Perchè cado, ma mi rialzo.
Perche corro, ma ho un bel ritmo.
Perchè piango, ma mi libero.
Perchè implodo ed esplodo, ma riattacco tutti i pezzi.
Perchè ogni giorno  c'è un tramonto da guardare e una vita da scrivere.



venerdì 5 febbraio 2016

BOOMERANG




Qualcosa che si desidera troppo.
Qualcosa che continua a rimbalzarti addosso, un boomerang che qualcuno lancia e che non riesci mai a prendere.

Dicono: " arriverà" " non pensarci troppo" "ogni cosa arriva quando deve arrivare".

E intanto i dubbi si insinuano, le domande si ripetono come un disco incantato, ogni giorno il pensiero sfiora l'idea, le paure si ancorano sempre più a fondo, senza volersene fare una malattia.

Ma succede.

Succede che si arriva ad un punto in cui ci si chiede " Perchè?".
Succede che si arriva ad un punto in cui ci si chiede " E se fossi tu? se fossi io? se fossimo noi?"

Difficile da accettare da superare da ingoiare e sorridere davanti a tutte che camminano fiere dei loro chili in più.

E una brutta bestia l'ansia, il timore.

Ti mangia lentamente, ti toglie ogni briciolo di positività, ti incute ragionamenti contorti in cui ti perdi e a cui molti giorni dai ragione e altri scrolli la testa come per gettarli il più lontano possibile.

Si può essere felici di una gioia altrui quando essa stessa è la tua angoscia?

Si può sorridere di fronte a quella che per noi è un'ingiustizia?

A volte credo.

Che i destini di due persone si uniscano contro ogni legge naturale, per un chissà quale motivo, che a volte diano frutti di un amore rubato, di un amore morboso che si cerca di tenerlo con se con il solo ricatto umano di una nuova vita, di un amore vissuto troppo poco, di un amore che forse chissà, se amore sarà.

Credo anche che ci siano circostanze misteriose in cui due persone, forse, non sono compatibili a soddisfare quel bisogno che ad un certo punto della vita, bussa alla porta.

E ci si ripiega su stessi.

E altri perchè, altre domande senza risposta, altre "sarete felici lo stesso" " troverete il vostro equilibrio".
Tutte belle parole, che però, siate sinceri,

servono solo per aggiungere tasselli per esplodere.

                             L'AMORE VINCE TUTTO.
  
                                                                                                                    [ d i c o n o ]


Si può mettere da parte un bisogno per l'amore?
Si può smettere di cercare la stella più luminosa?
Si può smettere di correre quando è l'unico modo di respirare?
Si può mettere da parte la parte più viva di voi stessi?

                                                                                                                  [ f o r s e ]


Chiedo scusa, se smetterò di essere felice per tutti i boomerang che mi tirerete addosso che, anche se involontariamente, mi uccidono ogni volta un po' di più.

Chiedo scusa, se per una volta, penserò a me stessa.

[chiedo
scusa
se
da
oggi
smetto
di
sapere
se
state
bene
con
il
vostro
grembo
fecondo
mentre
il
mio
si
contorce
ad
ogni
vostra
carezza
che
vi
fate
ad
ogni
gioia
che
provate
in
quella che vi auguro l'esperienza più bella potente ed emozionante della vita
ma
che
per
chissà
quale
motivo
non
mi
è
ancora e ancora e ancora e ancora
dato
sapere.]


                                                                  [dentro la gioia si trasforma in odio contro ogni mio volere]






sabato 30 gennaio 2016

A VOLTE RITORNANO.



Persa.
Nel buio di una vita che mi dà tanto e tanto mi toglie.
Persa.
Nei miei pensieri.
Torno.
Perchè si può partire per tanto tempo ma alla fine, si ritorna.
Anche solo per un istante.
Catapultata in quella che ero io, in un'essenza che mi ero scordata di avere.
Ricordi, sensazioni, fotografie che fanno sorridere il cuore.
Pensieri che si inseguono e lottano tra fango e nebbia.
Tra fango e nebbia.
Futuro che vibra.
Tra baci e odio.
Tra alti e bassi.
Resto.
Perchè tutti hanno il loro posto ed è sempre bello "poterci tornare" senza restare.
Resto.
Come una scena di un film quando a piccoli passi si cerca di superare il fiume.
Guardo, oltre me stessa.
Qualunque cosa mi spetti, io sarò qui, pronta ad aspettarla.
Con il cuore che batte, forte.
Con le mani agitate.
E la testa piena.


venerdì 28 dicembre 2012

CLOSER.

Come la scena di un bel film. Tutto si muove lentamente dentro colori caldi di una casa già vista.
Lei tocca distratta il bordo del calice pieno di vino rosso mentre lui la osserva attento in ogni suo minimo gesto, pronto a farla arrossire con un complimento inaspettato, pronto a farle rendere conto che il vino le sta facendo girare la testa.
Lei sposta una ciocca di capelli e la porta con un tocco naturale dall'altra parte della fronte ammiccando un sorriso colmo di spensieratezza.
Tutto il mondo è chiuso fuori.
Lui si alza e va verso il divano, accende la televisione e cambia qualche canale continuando a predicare il suo verbo riguardo le donne e lei non può credere alle sue orecchie, si alza, ondeggia leggermente e si avvicina a lui combattendo una guerra ormai persa in partenza.
Forse è il caso di issare bandiera bianca, ma nessuno dei due vuole darsi per perdente e preferiscono continuare a sfidarsi a suon di frasi fatte, stereotipi e idee fantastiche su cosa fa chi, chi fa cosa, perchè chi fa cosa e perchè.
Lei si lascia cadere sul divano, toglie le scarpe e mette le gambe incrociate. Con la testa appoggiata guarda il soffitto illuminato come se cercasse risposte da tener testa, perchè non può cadere con un colpo basso, così basso.
Lui si gira e la guarda con un espressione come per dire " non ci sono più appigli amica mia, voi donne siete tutte uguali, punto, non provare a trovare altre inutili spiegazioni" e lei con un sopracciglio alzato lo guarda come per dire "cosa? vuoi vedere che ti faccio ricredere di tutte le tue fottute convinzioni, amico mio, e basta fare di tutta l'erba un fascio, voi uomini siete uguali, toccata e fuga e chi vi rivede più?!".
Alta tensione.
Lei sorride liberata dai 12 gradi del vino sorseggiato prima e lo spinge, ma rimane intrappolata nella sua presa e viene tirata vicino al viso di lui.
Attimi durati una vita.
Lui non fa niente, la guarda in silenzio e aspetta la mossa sicuro che lei a breve farà.
Lei respira un po' affannata, sorpresa da quel suo gesto, sicura che a breve lui farà scacco matto.
Fanti, regine, torri e scacco matto, chi mangia chi, chi mangia cosa, chi arriva prima chi dopo.
Non è questione di lui, di lei, di vino, di divano o televisione.
Rimangono imprigionati in una parentesi dove entrambi hanno paura di fare un passo falso, dove solo chi non vive nella paura non vive per metà.
E il vino entra in circolo, la stanza diventa rossa, calda, pulsa dentro certi battiti che corrono all'unisono, pulsa nelle vene e il respiro si fa corto.
Lui si sveglia di soprassalto.
Sorride pensando che quel volto non ha ancora nome, è li solo per lui.
Lei si sveglia di soprassalto.
Sorride pensando che quel volto non ha ancora nome, è li solo per lei.
E in chissà quale luogo, richiudono gli occhi provando a ricercarsi nei meandri di mille sogni sparsi, così da lasciare il loro mondo chiuso fuori.
(Chiuso dentro una parentesi tonda.)